Flos, idee luminose che reinventano il modo di abitare la casa

,

Nei nostri showroom le più belle lampade di design delle collezioni Flos

Flos, “fiore” in latino. Fu questo il nome scelto all’inizio degli anni ‘60 dal celebre maestro del design Pier Giacomo Castiglioni per designare la nuova linea di lampade realizzate con la tecnica “cocoon”, ideata proprio in quegli anni negli USA e sperimentata per la prima volta in Italia nei laboratori Eisenkeil dell’azienda di Merano.

Da allora, grazie all’impegno e alla creatività di un think tank di designer esclusivi, in primis Gandini e i fratelli Castiglioni e Scarpa, Flos ha completamente rivoluzionato il concetto di lampada, sviluppando quelle che possono essere definite vere e proprie icone della storia dell’illuminazione e dell’arredamento.

Dalle prime lampade, Viscontea e Taraxacum, fortemente evocative nel nome e nella struttura dell’universo botanico e floreale, l’evoluzione costante e imprevedibile a collezioni sempre nuove e diverse ma sempre caratterizzate da forme postmoderne e geometrie lineari ed essenziali, è rapido.

Ben presto Flos riscuote un successo internazionale, arrivando a esporre le proprie visionarie creazioni nelle più importanti mostre di design italiane ed europee e addirittura presso il MoMa di New York, il più importante museo di arte contemporanea degli Stati Uniti e moltiplicando in maniera esponenziale il numero delle collezioni in catalogo.

Perfetta sintesi tra ricerca dell’armonia estetica, artigianalità e tecnologia industriale, queste icone del paesaggio domestico contemporaneo sono oggetti artistici e funzionali in grado di veicolare le più disparate esperienze ed espressioni stilistiche e capaci di reinventare a 360° il modo di intendere e di abitare la casa.

Visita i nostri showroom e scegli la tua lampada Flos tra le collezioni in esposizione!

Ad esempio, puoi acquistare a un prezzo speciale le lampade della nuova collezione Flos Arrangements, preziose catene di luce come collane o bracciali, o Flos Overlap, dove la luce cede il passo all’immaginazione, entrambe disegnate dal maestro Michael Anastassiades.